Road to…me – Origini e ricerca di sé

La mia crescita personale

Quanto le origini dicono di una persona?

Sono stata adottata.

Di origine indiana, nata a Calcutta, affidata all’orfanatrofio delle suore di Madre Teresa, a un anno e due mesi sono arrivata in Italia, cresciuta e curata da un’amorevole famiglia, che ha sempre cercato di fare il meglio per me.

Da quando ricordo, tutti intorno a me, amici di famiglia, parenti ma soprattutto persone esterne, mi hanno sempre chiesto se non fossi mai tornata in India.

E al mio “no, non ci sono mai tornata”, immancabilmente la seconda domanda: “ci vorresti tornare?”

“no, non ne sento il bisogno”.

E qui si aprivano gli scenari più disparati.

Da chi mi guardava come se avessi detto una cosa strana, a chi pensava stessi liquidando il discorso perchè non volevo rispondere, a chi pensava che avessi un rifiuto per il mio essere “diversa” e “adottata”….peccato che tutti questi input, ripetuti nel tempo, e in diverse fasi della crescita, mi avessero fatto davvero pensare a un certo punto di essere io ad avere un problema con me stessa, e cosa ancora più grave, che non lo volessi guardare in faccia, e quindi non lo riconoscessi.

L’inizio di una conferma è arrivata quando è nato mio figlio.

Ho pensato che se qualcosa mi si fosse dovuto smuovere dentro in relazione alle mie origini, sarebbe successo dopo il suo ingresso nel mondo.

Nulla. E non è che non provi interesse per quella cultura millenaria, anzi, ma è, appunto un interesse sociologico-culturale, non un’intima attrazione verso un possibile retaggio ereditario.

La ricerca di sé é collegata ad un luogo?

Oggi, 5 agosto 2021, parlando con una persona, ho messo un altro pezzettino al puzzle.

E ho capito che forse, quando andiamo a cercare i posti da cui siamo venuti, o torniamo in luoghi a noi familiari che ci fanno sentire “a casa”, molte volte cerchiamo un senso, una rassicurazione, un significato alla nostra esistenza, o anche solo cerchiamo di capire chi siamo….d’altronde è una delle domande fondamentali dell’uomo (Chi siamo? Da dove veniamo?)

E’ possibile che io questa necessità non la senta, perchè non è un tassello che mi serve per capire chi sono.

Tutto ciò che mi definisce è dentro al mio spirito. E non è che le radici non siano importanti, anzi sono fondamentali.

Ma le radici vere e profonde le senti quando trovi il tuo posto nel mondo, quando capisci quale spazio occupi, qual è il tuo scopo o la missione che devi realizzare su questa terra.

E poi mi succede anche una cosa strana.

Quando mi concentro e penso all’India, paese immenso, mi sento attratta da una forza, che si localizza a nord ovest, e non a Calcutta.

E’ come se una voce dentro mi parlasse e mi dicesse che in realtà vengo da un altro posto.

Non so onestamente se credere alla teoria della metempsicosi, o se il nostro spirito ci parla e dentro di noi troviamo tutte le risposte.

Per ora so che ho avuto un barlume di luce, e riesco a intravvedere la direzione verso la quale andare.

Sono cosmopolita e sono apolide al tempo stesso, sono in continua ricerca, e resto in ascolto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...